\\ Home Page : Articolo : Stampa
GRAZIE AMERICA LATINA
Di Admin (del 07/02/2008 @ 17:20:27, in blog, linkato 8232 volte)
Con la tappa di Caracas Il Cammino della Musica raggiunge la sua ultima meta e può finalmente dichiarare MISSIONE COMPIUTA!!
-
Il percorso che si è svolto in questi otto mesi dal Tango di Buenos Aires alla musica caraibica venezuelana si è concluso.
Qui sotto potrete visualizzare una breve relazione sul lavoro svolto e propositi e progetti futuri
E' già in cantiere la seconda edizione del progetto

Da  Caracas ho fatto ritorno alla bellissima Buenos Aires (questa volta prendendo però un aereo) per passare gli ultimi giorni che ho a disposizione nella città del tango e del mio cuore. Qui ho ritrovato gli amici della partenza, quelli di quando il progetto, e in qualche modo io stesso, eravamo ancora giovani: gli amici del CAVA (vedi post: Arrivato! ) che hanno  colto l'occasione per invitarmi il secondo giorno di  dicembre ad una grande festa nella sede de la Trevisana, il grande artista Taddeo Bruno e la moglie Ana che mi hanno ospitato ancora una volta nella loro abitazione, i primi musici che hanno donato le prime informazioni musicali al progetto "Las de Mandingas"(vedi post: Peña folklorica al Tigre  ), "Wayra" (Vedi post: Ritorno a Buenos Aires con show)  , quelli del Matadero (vedi  post: El Matadero ). Chissà come mi vedono ora dopo questa grande esperienza! Io sicuramente mi sento ben diverso da quando sono partito  e vedo in loro i primi eroi del progetto. Nella capitale sono successe però molte altre cose: ho incontrato  il Gruppo Alpino di  Buenos Aires, sono stato ospite a numerose emittenti radiofoniche, ho assistito e suonato ad altre peñas folkloricas, mentre  le giornate primaverili trascorrevano leggere e solleticate dall'aria frizzante e dall'atmosfera affascinante che solo Buenos Aires sa creare.

Così il cerchio si chiude, e con esso anche una grandiosa esperienza che porterò sempre nel mio cuore e nei miei ricordi. Facce, musiche, storie, esperienze, paesaggi, incontri, difficoltà e paure. L'atterraggio a Buenos Aires porta con sé tutto il bagaglio umano che ho accumulato in questi mesi di cammino. Ascolto le musiche che ho registrato e mi accorgo che ognuna di esse porta con sé una faccia e la sua storia, o la mia storia in quel momento. Vedo le foto scattate e i ricordi dilatano il fotogramma fino a trasuna specie di film. Leggo i post di questo blog e sento chiaramente il peso dei sentimenti di quelle parole, il mio stato d'animo e talvolta le mie incertezze e sorrido soddisfatto. Mi rendo conto di esser stato molto, molto, molto fortunato, di aver rischiato grosso di aver fatto un salto nel buio che per sorte si è rivelato essere un salto e basta. Mi rendo conto che a tenermi alto e a tenere alto il progetto sono state le stesse facce che ora ricordo rivedendo l'esperienza dalla fine. Il Cammino della Musica lo hanno fatto loro, i personaggi e i nomi che compaiono in questo blog ed in questa lunga storia; è per questo che il mio grazie spero arrivi a tutte queste persone che spontaneamente e senza chiedermi nulla in cambio, ma anzi ringraziandomi per quello che stavo facendo, hanno dedicato il loro tempo, la loro musica, le loro parole, la loro ospitalità, ad un italiano e al suo progetto.

         Fare una lista di tutti quelli che dovrei ringraziare sarebbe qui poco opportuno e occuperebbe troppo spazio. Spero che queste persone percepiscano la mia immateriale riconoscenza, e che siano consapevoli del fatto che non verranno mai dimenticate. Ringrazio il popolo latino americano; quello italiano in america latina; gli amici, i parenti e la mia famiglia, sostenitori dell'impresa e di me, con i loro pensieri da casa; i collaboratori che ci hanno creduto (all'inizio pochi, quindi soprattutto quelli); gli sponsor che hanno permesso di cominciare e finanziare il progetto (li trovate qui sulla destra) e chiunque in qualche modo o forma abbia partecipato alla realizzazione de "Il Cammino della Musica – Dal Tango alla Musica Caraibica".

Che il mio grazie arrivi a tutti questi cuori!


 

Qui sotto concludo mettendo un brano suonato dal primo gruppo che ha cominciato ad arricchire il blog e me, e che ho  reincontrato al ritorno a Buenos Aires: Las de Mandingas (vedi post: Peña folklorica al Tigre ) , 7 ragazze argentine che suonano  il folklore del loro paese. Il pezzo si intiola "En el funeral del rio" di Luis Rico, ed è una Saya andina, un genere afro-boliviano che si suona anche nelle Ande argentine.
Per vedere gli articoli precedenti clicca su "STORICO" / Para ver outros artigos clica "STORICO" / Para ver otros articolos "STORICO"Per altre foto / Para ver outras fotos / Para ver otras fotos, CLICCA QUI. Per vedere altri video / para ver outros videos / Para ver otros videos CLICCA QUI.