Cerca per parola chiave
 

homeprogettoviaggiatoredove sono sostenitoripillole contatti

Archivio Io Suono Italiano ?     archivio dal tango alla musica caraibica

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

Condividi su Facebook
Articolo (p)Link Commenti Commenti (5)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Dopo una pausa costretta per riparare i malanni del camper, la macchina ha affrontato degnamente il primo viaggio e mi auguro che regga ancora a lungo visto che la tappa finale è ancora distante; la Sicilia.
La ripartenza è stata ben inaugurata con un appuntamento speciale: le signore Mondine di Novi mi hanno invitato al pranzo del primo maggio in una meravigliosa casa nel mezzo della campagna di Novi di Modena (MO). Un’occasione veramente speciale e fortunata (per me) visto che la festa era organizzata per rimpiazzare un concerto saltato. Della serie “non tutti i mali vengono per nuocere”: il Cammino della Musica si è potuto così intrufolare nell’anima di questo gruppo di donne, piuttosto che osservarle soltanto in un'esibizione dal palco per un pubblico.
.
Non faccio nemmeno in tempo a parcheggiare il camper che subito il primo piatto di tagliatelle al ragù mi viene servito su di una tavolata abbellita da garofani rossi e da almeno 50 persone, amiche all’istante. Tra una cantata e l’altra me ne sono andato alle undici di notte.
Il coro delle mondine di Novi è composto attualmente da circa 20 donne. Solo poche fra queste sono realmente state delle mondine o mondariso, donne che nel periodo estivo emigravano nelle pianure piemontesi per passare 40 giorni chine sulle gambe, immerse nel fango, a trapiantare il riso. Partivano col treno in più di duecento, provenienti da Modena, Ferrara e altre città emiliane (ma anche di altre regioni d’italia), ammassate in vagoni per bestiame per un’avventura che non avrebbe lasciato il segno solo nel loro fisico, ma anche nel loro percorso di donna di quell’epoca.

L’esperienza della monda, da un lato caricava una mondina di una grossa responsabilità, considerando che la paga che riusciva a racimolare (900 Lire e un chilo di riso al giorno nel ‘47) rappresentava una sussistenza non di poco conto per l’intera famiglia; Silva mi racconta che non potrà mai levarsi dalla mente la sofferenza che ha provato quando un telegramma recante la morte della sua cara nonna, le venne inviato direttamente nella risaia con la raccomandazione di continuare comunque a restare lì, in modo da portare a casa la campagna intera.

Dall’altro la monda permetteva alla mondina, molto giovane, di uscire dal nucleo familiare, in cui per la maggior parte delle volte era limitata o comunque non indipendente. Per molte mondine l’idea di andarsene di casa per un po’ e contribuire alle sorti della famiglia rappresentava una valorosa avventura densa talvolta di sognanti e puerili aspettative. Ma la vita della mondina (come ci spiegherà il video) non era di certo "mondana".

I canti delle mondine trasmettono la passione di donne che hanno vissuto condividendo una sofferenza. Ed è proprio la condivisione che rende le mondine un gruppo forte. Vederle cantare procura una intensa emozione perché si è in grado di percepire qualcosa che va oltre il ricordo di una situazione passata. Le espressioni delle mondine “originali” coincidono infatti con quelle delle mondine “acquisite”, donne che sicuramente non fanno la monda, ma che affrontano tenaci le risaie dei nostri giorni. Così il gruppo si allarga di donne, figlie di mondine, oppure di giovani fanciulle senza alcun legame di “sangue” con il riso. Come Margherita, giovanissima, accolta da pochi mesi nel gruppo, ma già preparatissima nei canti perché ha bisogno di cantare. E Giulia, sapiente direttrice ed energica trascinatrice del coro che ha la missione di comprendere, reinterpretare e trasmettere il significato di questa storia particolare che è la storia di questo gruppo.
.
Lidia, che nel ’40 stava nei campi di riso, mi ha mostrato un’agenda dei concerti del coro che potrebbe fare invidia ad una rockstar. Molto spesso donne come lei affrontano viaggi anche molto lunghi per trasmettere a pubblici stranieri vibrazioni emozionanti fatti di passioni condivise e soprattutto attuali.
. 
.
Ringraziamenti: LE MONDINE TUTTE, Elena Parasiliti (direttrice Terre di Mezzo), che ha passato un giorno assieme al cammino della musica, Nicola Leonardis (foto n. 1 e 2)

Articolo (p)Link Commenti Commenti (22)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Stefano believed that I would have stopped in Cegni for half a day, just the time of an interview and some recordings... I have stopped here for two weeks. After all the bright green painted valleys, the atmosphere of peace, the hospitality of friends I met and the unique music of these places, they challenge even the most apathetic person to refuse a prolonged stay
We are in Cegni and surroundings, in the province of Pavia, in the area known as the "Four Provinces" (Genoa, Pavia, Alessandria, Piacenza), where the cultural territory goes beyond affiliation administrations. This Appenine area has maintained an history linked to music itself.
The first opportunity for me to listen this music it is offered by Stefano Valla & Daniele Scurati, inseparable sound companions, who perform for the Cammino della Musica in the big blue kitchen of Stefano’s house. The impact is devastating: a strong, resolute, complete block of sound that pierces the soul.
They seem ten people playing but they are just two; pipe and accordion, this is the typical formation of the area where, according to Stefano, " people have never stopped playing." Stefano is a person with two big shoulders, on one of them he brings  seriousness and professionalism, on the other he has an overwhelming irony. His head is capable to wisely measure the two powers. His friends say he is a parties professional.
 
Stefano & Daniele are musicians and this is their job, they say they are "players".

VERSIONE IN ITALIANO

.

"We are not and do not want to be the reconstruction of a recovery isolated from the social context in which we grew up," Stefano says: "We have grown in this area, where we have been listening the pipe since we were childs."

The strength of these two musicians and others of this area, is having been able to translate the behavior inherited from the old players for the current times, without temporal swings, but in an uninterrupted way without sacrificing innovation that represents the tradition continuation.

 
"The tradition is alive when it can evolve remaining preserved at the same time. We must know what it has been done in the past to afford innovation. According to me tradition is knowledge "
 
A proof of this thesis is what the old players of the area have done when, at the beginning of'900 they decided to replace the bagpipe (old companion of the pipe) with the accordion, " the new lover of the pipe”, adjusting and reforming the "traditional” repertoire. Thus, what is tradition? Or rather, when it is tradition? These are questions as much absurd as ineffective because it doesn’t make sense to fix space-time standards to a form of art and culture on the move.
 
Stefano tells me that he had a great artistic and humane relationship with his masters Ernesto Sala and Andrea Domenichetti, he is transmitting this values also to his students. He says, when his last teacher died, he realized he lost his reference points, and that the ball was passed to him. He remembers that the same teacher who lived in a village of a few people 1100 meters far away said: "This is local and European music" and now Stefano and Daniele say: "We play like 100 years ago players, but we are also the ones that today are turning to Europe playing this music. " And the music played by the Four Provinces musicians shall operate both in the ritual of a local wedding, than on the stage of an European theatre. “Playing in a qualitative deserving way. " The music of the Four Provinces requires a lot of study and dedication, above all, awareness.
Here, the parties are a “serious” matter and I have had the luck and opportunity to participate in a marriage.
-
PART TWO:
Here, the parties are a “serious” matter and I have had, among others, the luck and opportunity to participate in a marriage. The newlywed Stefano and Serena tell me that It doesn’t happen very often to celebrate it like once, but sometimes it happens, and then the players go to pick up the bride at home and dedicate to her a song that tells about the detachment from family to go in the couple world. There are other music dedicated to various moments of the ritual, and it ends, as usual, with the final ball, which is open to the whole community and not only to the wedding attendants.
.
The stage of the parties is usually a table. It is the party organizer that must be sure it will hold up the weight of the players. The party consists of codes and rules that musicians, dancers and participants generally know and respect since long time. I remember that at a certain point of the dance during the wedding, someone pointed out to a player he has taken too long a mazurka making the dancers loosing the sense of dance. Stefano explains to me that not always where there is a dance there is a party: it depends on player’s skill, his intuition and above all his experience. It is the player that has the role of the priest of the parties, he must be able to satisfy his followers-dancers with the right musical prayers made of alessandrine, monferrine, valtz, mazurkas and polkas.It is not eccesive to declare that in these feasts there is something spiritual. Otherwise how could it be explained a physical resistance that allows musicians to play without stopping for hours and hours? Stefano talks about a kind of beneficial, healthy and pure trance, which gives to the time passing a relative meaning : "Sometimes we play for ten hours without even realizing it."
 
During these long hours that you don’t like to be finished, the melodic intertwining of the pipe and the accordion creates a hypnotic sound. They are definitely a winning pair, seductive, indivisible, unique and a symbol of a musical culture that has been able to model the time to find wise solutions and ingenious innovations.
 
MOREPICTURES
.
Thanks to: Stefano Valla and Daniele Scurati, Massimo Perelli, Matteo Burrone, Renata Tommasella, Roberto Cariotti and Romana, Bernard Blanc and Philippe, Adriano Angiati and the newlywed, Anna, Loredana, Laura, Ettore and Carla, Cleto Marini, Helen, Giorgio Carraro, Martina Catella.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Stefano pensaba que me iba a quedar en Cegni medio día, el tiempo de una entrevista y de alguna grabación... me quedé quince días. Por cierto, los verdes valles, el aire de paz de otros lugares, la acogida de los amigos que encontré y la música única de estos pagos, desafían el más desconfiado a negarse a una permanencia prolongada.
Estamos en Cegni y alrededores, en provincia de Pavía, en aquella zona llamada Cuatro Provincias” (Génova, Pavía, Alejandría, Piacenza), donde el territorio cultural va más allá de las administraciones de pertenencia. En esta zona de los Apeninos se mantuvo una historia vinculada a una misma música.
La primera ocasión para escucharla me la ofrecen Stefano Valla y Daniele Scurati, compañeros inseparables de música, que se exhiben para el Camino de la Música en la gran cocina azul de la casa de Stefano. El impacto es muy fuerte: un bloque sonoro fuerte, decidido, completo, que perfora el alma.
Parecen diez y en vez son dos: una flauta y un acordeón. Esta es la formación típica de la zona en la que, dice Stefano, “nunca se dejó de tocar”. Stefano es una persona con dos grandes hombros: en uno lleva la seriedad y la profesionalidad, en el otro una ironía impetuosa. Su cabeza es capaz de dosificar con sabiduría las dos fuerzas. Sus amigos dicen que es un profesional de las fiestas.

Él y Daniele son músicos y lo hacen por trabajo, “músicos”, dicen ellos. “Nosotros no somos y no queremos ser la reconstrucción de la recuperación aislada del contexto social en el que crecimos”, dice Stefano: “Nosotros crecimos en esta zona, donde vivimos desde pequeños escuchando la flauta”.
La fuerza de estos dos músicos y de otros que viven en esta zona, está en haber sido capaces de traducir los comportamientos heredados por los viejos músicos en los tiempos actuales, pero sin saltos temporales, sino más bien de forma ininterrumpida y sin renunciar a la innovación, que representa la continuación de la tradición.
 “La tradición vive en el momento en que logra mantenerse y al mismo tiempo evolucionarse. Hay que conocer lo que se hizo antes, para poder innovar. Tradición para mi es conocimiento.
Una prueba de esta tesis es lo que hicieron los viejos músicos de esta zona, cuando a comienzo de ‘900 decidieron sustituir la cornamusa (vieja compañera de la flauta), con el acordeón, “el nuevo amante de la flauta”, adecuando y reformando el repertorio “tradicional”. Entonces, ¿qué es la tradición? ¿O, mejor, “cuando” podemos hablar de tradición? Son preguntas tan absurdas como ineficaces, porque no tiene ningún sentido fijar “trabas” espacio-temporales a una forma artística y cultural en continuo movimiento.
 
Stefano me cuenta que tuvo una gran relación artística y humana con sus maestros Ernesto Sala e Andrea Domenichetti, valores que está trasmitiendo también a sus alumnos. Dice haberse dado cuenta, cuando murió su último maestro, de no tener más ningún punto de referencia y que ahora “la pelota pasó a él”. Recuerda que el mismo maestro, que vivía en un pueblito de pocas personas a la altura de 1.100 metros, decía: “Ésta música es local y europea al mismo tiempo”, y ahora Stefano y Daniele afirman: “Nosotros tocamos como los músicos de hace 100 años, pero somos también los mismos que hoy viajamos por Europa, tocando esta música”. Y la música que tocan en las Cuatro Provincias tiene que funcionar tanto en el ritual de un casamiento local, como en el escenario de un teatro europeo. “Tocando de forma cualitativamente merecedora”. La música de las Cuatro Provincias de hecho requiere de mucho estudio y dedición y, sobretodo, conciencia.
 
SEGUNDA PARTE:
.
Aquí las fiestas son una cosa “seria” y tuve, entre otras cosas, la suerte y la oportunidad de participar de un casamiento. Los novios Stefano y Serena me cuentan que no se celebra más como antes, pero a veces pasa, y entonces los músicos van a buscar a la novia debajo de su casa y le dedican una canción que cuenta la separación de la familia, para entrar en la vida de pareja. Hay también otros temas dedicados a diferentes momentos del ritual y se termina como siempre en el baile final, que está abierto a toda la comunidad y no solo a los invitados del casamiento.
.
El escenario de las fiestas es solamente una mesa. Es tarea del organizador de la fiesta encargarse de que la mesa aguante el peso de los músicos. La fiesta tiene sus códigos y reglas, que músicos, bailarines y participantes en general conocen y respetan desde hace tiempo. Me acuerdo que en un determinado momento del baile, durante el casamiento, alguien hizo notar a algunos músicos que hicieron durar demasiado tiempo una mazurca y los bailarines habían así perdido el sentido del baile. Stefano me explica sin embargo que no siempre donde hay un baile hay una fiesta: para convertirla en fiesta se necesita una determinada habilidad por parte del músico, su intuición y sobretodo experiencia. Al músico le toca el rol de “sacerdote” de los festejos, que debe ser capaz de satisfacer a sus seguidores-bailarines, con las piezas musicales correctas, compuestas por alessandrine, monferrine, valses, mazurcas y polcas.
.
No exageramos si decimos que en estas fiestas se percibe algo de espiritual. ¿Como se podría sino explicar una resistencia física que permita a los músicos de tocar sin parar por horas y horas? Stefano habla de una especie de trance benéfica, sana, pura, que da al tiempo que pasa un significado totalmente relativo: “A veces tocamos por diez horas, sin ni siquiera darnos cuenta”.
Durante estas largas horas que nunca quisieras que terminaran, el cruce melódico de flauta y acordeón crea un sonido hipnótico. Son, sin lugar a dudas, una pareja ganadora, seductora, indisociable, única en su género y símbolo de una cultura musical que supo adaptarse a los tiempos, encontrando soluciones sabias e innovaciones geniales.
.
.
Agradecimientos: Stefano Valla y Daniele Scurati, Massimo Perelli, Matteo Burrone, Renata Tommasella,  Roberto Cariotti y Romana, Bernard Blanc y Philippe, Adriano Angiati y los novios, Anna, Loredana, Laura, Ettore y Carla, Cleto Marini, Helen, Giorgio Carraro, Maurizio di Romagnese y Urby, Martina Catella.

 Traduccion: Sabrina Espeleta

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
11/05/09

a fare il bucato !!

 

 

 

 

 

 

 

 

Articolo (p)Link Commenti Commenti (3)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Domenica 10 maggio Il Cammino della Musica è arrivato a Castel Raniero, Faenza per la rassegna di Musica nelle Aie. Questo è un omaggio ai musicisti che vi hanno partecipato.

TI E' PIACIUTO QUESTO VIDEO?  SI - NO

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

EVVAI DI VIDEO SHOW!! 

grazie a tutti i partecipanti e agli organizzatori

 un ringraziamento speciale a Beppe di Chiara, Antonella e Lucio. Tornerò presto

Articolo (p)Link Commenti Commenti (7)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

 

dopo una lunga pausa forzata a causa della rottura del motore, Livio Andreuzza (vedi team) ha sistemato il camper per rimetterlo instrada.

AMICI CAMMINANTI! ABBIAMO BISOGNO DI UN MEZZO NUOVO. (Vedi appello)

Articolo (p)Link Commenti Commenti (2)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Un ringraziamento alla compagnia "Gli Zanni" che domenica mi ha ospitato per un VIDEO SHOW presso la "Sala degli Zanni" a Ranica (BG).

SPETTACOLO NELLO SPETTACOLO!! Dopo l'esibizione il pubblico presente, fondatori e sostenitori della compagnia hanno dato vita ad una bella festa con canti e balli a suon di campanine, baghèt e non solo.

Stessa atmosfera che si era creata dopo lo spettacolo a Comelico Superiore: EVVIVA LA MUSICA CHE STIMOLA. GRAZIE!!

PIU' FOTO

Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

il piffero delle Quattro Province

Stefano pensava che rimanessi a Cegni una mezza giornata, il tempo di un’intervista e qualche registrazione… mi son fermato quindici giorni. Del resto le vallate dipinte di verdi lucenti, l’atmosfera di pace d’altri posti, l’accoglienza degli amici che ho incontrato e la musica unica di queste parti, sfidano anche il più qualunquista a dire di no a una permanenza prolungata.
Siamo a Cegni e dintorni, in provincia di Pavia, in quella zona denominata “Quattro Province” (Genova, Pavia, Alessandria, Piacenza), dove il territorio culturale va di là dalle amministrazioni di appartenenza. In questa zona appenninica si è mantenuta una storia legata da una stessa musica.
La prima occasione per ascoltarla me la offrono Stefano Valla e Daniele Scurati, inseparabili compagni di suono, che si esibiscono per il Cammino della Musica nella grande cucina blu della casa di Stefano. L’impatto è devastante: un blocco sonoro forte, deciso, completo, che perfora l’anima.
Sembrano in dieci e invece sono in due; piffero e fisarmonica, questa la formazione tipica della zona dove, dice Stefano, “non si è mai smesso di suonare”. Stefano è una persona con due grandi spalle, su di una porta la serietà e la professionalità, sull’altra ci sta un’ironia travolgente. La sua testa è capace di dosare sapientemente le due forze. I suoi amici dicono che è un professionista delle feste.
Lui e Daniele sono musici e lo fanno di mestiere, “suonatori” dicono loro.
Noi non siamo e non vogliamo essere la ricostruzione di un recupero isolato dal contesto sociale in cui siamo cresciuti”, dice Stefano: “Noi siamo cresciuti in questa zona, dove abbiamo sentito fin da piccoli il piffero”.
La forza di questi due musicisti e di altri di queste parti, sta nell’esser stati capaci di tradurre i comportamenti ereditati dai vecchi suonatori per i tempi attuali, ma senza sbalzi temporali, bensì in forma ininterrotta e senza rinunciare all’innovazione che rappresenta la continuazione della tradizione.
La tradizione è viva nel momento in cui riesce a mantenersi ed evolversi nello stesso tempo. Bisogna conoscere quello che è stato fatto prima per permettersi di innovare. Tradizione per me è conoscenza.
Una prova di questa tesi è quello che hanno fatto i vecchi suonatori della zona, quando agli inizi del ‘900 hanno deciso di sostituire la cornamusa (vecchia compagna del piffero) con la fisarmonica, “nuova amante del piffero”, adeguando e riformando il repertorio “tradizionale”. Allora, che cosa è tradizione? O meglio, 'quando' è tradizione? Domande tanto assurde quanto inefficaci perché non ha senso fissare paletti spazio-temporali a una forma artistica e culturale in continuo movimento.

 

Stefano mi racconta che ha avuto un grande rapporto artistico e umano con i suoi maestri Ernesto Sala e Andrea Domenichetti, valori che sta trasmettendo anche ai suoi allievi. Dice di essersi reso conto, quando è morto il suo ultimo maestro, di non avere più nessun punto di riferimento e che 'la palla ora è passata a lui'. Ricorda che lo stesso maestro che viveva in un paesino di poche anime a 1100 metri diceva: “Questa musica è locale ed europea insieme”, e ora Stefano e Daniele affermano: “Noi suoniamo come i suonatori di 100 anni fa, ma siamo anche gli stessi che oggi stanno girando l’Europa suonando questa musica”. E la musica che suonano i musicisti delle Quattro Province deve funzionare tanto nel rituale di un matrimonio locale, quanto sul palcoscenico di un teatro europeo. “Suonando in modo qualitativamente meritevole”. La musica delle Quattro Province infatti richiede molto studio e dedizione, soprattutto, consapevolezza.
SECONDA PARTE:

Qui le feste sono una faccenda “seria” ed ho avuto, tra le altre, la fortuna e l’opportunità di partecipare ad un matrimonio. Non è che si usi ancora spesso celebrarlo come un tempo, mi raccontano gli sposi Stefano e Serena, ma a volte capita, e allora i suonatori vanno a prendere la sposa sotto casa e le dedicano una canzone che racconta del distacco dalla famiglia per addentrarsi nel mondo di coppia. Ci sono poi altre musiche dedicate a vari momenti del rituale e si finisce come di consueto al ballo finale, che è aperto a tutta la comunità e non solo agli invitati del matrimonio.

Il palco delle feste è solitamente un tavolo. Spetta all’organizzatore della festa accertarsi che regga il peso dei suonatori. L’articolarsi della festa ha dei codici e delle regole che musici, ballerini e partecipanti in generale conoscono e rispettano da tempo. Ricordo che ad un certo punto del ballo, durante le nozze, qualcuno fece notare a dei suonatori di aver fatto durare troppo a lungo una mazurca e i danzatori avevano così perso il senso del ballo. Stefano mi spiega però che non sempre dove c’è un ballo c’è una festa: per farlo diventare tale ci vuole una certa abilità del suonatore, il suo intuito e soprattutto l’esperienza. È al suonatore quindi che spetta il ruolo di sacerdote dei festeggiamenti, in grado di soddisfare i suoi adepti-danzatori con le giuste orazioni musicali fatte di alessandrine, monferrine, valzer, mazurche e polche. Non è per nulla eccessivo affermare che in queste feste si avverte qualcosa di spirituale. Come si potrebbe altrimenti spiegare una resistenza fisica che permetta ai musici di suonare senza sosta per ore ed ore? Stefano parla di una specie di trance benefica, sana, pura, che dà al tempo che passa un significato del tutto relativo: “A volte suoniamo per dieci ore senza nemmeno accorgercene”.

Durante queste lunghe ore che vorresti non finissero mai, l’intreccio melodico di piffero e fisarmonica crea un suono ipnotico. Sono sicuramente una coppia vincente, seducente, indissociabile, unica nel suo genere e simbolo di una cultura musicale che ha saputo modellarsi ai tempi trovando sapienti soluzioni e geniali innovazioni.

PIU' FOTO

Ringraziamenti: Stefano Valla e Daniele Scurati, Massimo Perelli, Matteo Burrone, Renata Tommasella,  Roberto Cariotti e Romana, Bernard Blanc e Philippe, Adriano Angiati e gli sposi, Anna, Loredana, Laura, Ettore e Carla, Cleto Marini, Helen, Giorgio Carraro, Maurizio di Romagnese e Urby, Martina catella.

Articolo (p)Link Commenti Commenti (4)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40

Iscriviti alla newsletter
chi sono


in questo momento
decisamente controcorrente



RAI DUE


RAI TRE


RAI TRE


RAI KILIMANGIARO


il Libro


CD chitarra


CD HandPan


visit my handPan website




Con il sostegno di







 



Ultimi commenti:
Ciao Alyssa. Si, è m...
07/07/2016 @ 11:35:11
Di Andrea Gorgi ZU
Semplicemente avvolg...
08/05/2016 @ 22:36:32
Di Alyssa
Ciao Elena. Grazie p...
17/01/2016 @ 05:42:38
Di Andrea Gorgi ZU
Il veneto non è un d...
11/01/2016 @ 11:01:00
Di elena
hehe! ma quelle imma...
12/08/2015 @ 11:45:46
Di Zu
sicuramente un filma...
12/08/2015 @ 08:10:26
Di roby boscarin
Ciao Nicola, grazie ...
29/06/2015 @ 10:39:23
Di Zu
Conosco questa canzo...
28/06/2015 @ 23:51:31
Di Nicola Scarpel
DOCUMENTARIO BELLISS...
16/05/2015 @ 18:56:14
Di b
Caro Zu , anche con ...
18/03/2015 @ 19:35:58
Di Adelina, Gianni
bravi!che possiate c...
16/03/2015 @ 10:26:20
Di gianfranco micarelli -scultore-
Grande Andrea!Ho app...
03/03/2015 @ 19:15:11
Di Diego
C'è tanto dentro que...
26/02/2015 @ 17:24:41
Di Stefania D.
Emozione.....tanta ....
26/02/2015 @ 17:23:23
Di Alida
aggiungerei anche il...
26/02/2015 @ 17:20:54
Di Tatiana M.
anche Giuliano Prepa...
26/02/2015 @ 17:20:30
Di Otello S.
chissà cosa ne pense...
26/02/2015 @ 17:19:52
Di Paolo
Guardo le foto e leg...
07/02/2015 @ 06:50:44
Di Mrisa
grazie meraviglioso ...
01/02/2015 @ 10:42:12
Di Francesca G.
How wonderful that y...
31/01/2015 @ 19:35:57
Di Lorie H.
Il caos di Jaipur cr...
31/01/2015 @ 19:33:49
Di Lara F.
Bravi! fate sentire ...
29/01/2015 @ 19:30:15
Di Adelina, Gianni
Veramente bello!!! C...
29/01/2015 @ 17:28:07
Di Lara
Sempre con un po' di...
25/01/2015 @ 01:23:33
Di Valerio
CIAO SONO NICLA VIAR...
24/01/2015 @ 06:26:16
Di NICOLA
...GRANDE Federico.....
23/01/2015 @ 06:57:17
Di sandro brunello
Ciao vagabondi, buon...
21/01/2015 @ 07:35:07
Di Robi e Anna
E' invidiabile e dev...
10/01/2015 @ 15:48:00
Di taddeo scalici
Parabéns, Andrea, me...
08/11/2014 @ 11:12:08
Di Valdeni
muy bueno andrea ya ...
08/11/2014 @ 11:11:38
Di Chelo


11/12/2017 @ 03.14.32
script eseguito in 47 ms


radio popolare la tribu