Cerca per parola chiave
 

homeprogettoviaggiatoredove sono sostenitoripillole contatti

Archivio Io Suono Italiano ?     archivio dal tango alla musica caraibica

Reportage BRASILE: Lia de Itamaraca, Ciranda - AUDIO -

11-08-2007
Altro appuntamento degno di nota quello con la grandissima (in tutti i sensi) Lia De Itamaracá.
Una nera di un metro e ottanta sorriso grandissimo, capelli arruffati e cantora di Ciranda.
Sono andato a trovarla nella sua isola, la Ihla di Itamaracá per l´appunto. In realtá l´isola non é sua, ma é usanza brasiliana identificare l´artista piú famoso della zona con il nome de suo paese. L´isola di sabbia bianca, palme di cocco e mare turchese é una vero paradiso ed una pericolosa tentazione. Sulla riva del mare sono molte le posadas in vendita per chi avesse voglia di mollare tutto e ricominciare in un posto esotico. Oltre a queste c´é anche il palco personale di Lia dove nelle sere d´estate (haimé sono arrivato troppo presto) si esibisce per i turisti e per gli abitanti dell´isola.
Lia é nata qui, dice che per nulla al mondo lascerebbe questo posto. Diversamente da tutte le "donne di musica" che ho incotrato durante il mio cammino, Lia non ha imparato a cantare dai suoi genitori, ma da sola, per la rua di Itamaracá ascoltando quelli che la Ciranda l´anno creata: pescatori, lavoratori rurali, venditori ambulanti, semplici abitanti dell´isola. 
Lia é sicuramente la cirandera piú conosciuta qui a Pernambucco. Canta da quando aveva 12 anni e ha inciso il suo primo disco a 18 anni. Poi una carriera in continua ascesa che l´ha portata ad esibirsi in tutta l´America latina e in Europa. Ad accompagnarla il suo produttore, il grande Beto Hees, che molto mi ha aiutato durante la mia permanenza a Olinda. Beto ora sta organizzando un festival dell´estate di Itamaracá (a partire da settembre) e promette grandi spettacoli di musica popolare e non solo. La carriera di artista non ha comunque compromesso l´altra professione di Lia. É infatti merandera alla scuola primaria di Itamaracá. Dice di amare questo lavoro e di voler continuare a farlo. A scuola Lia ha la possibilitá di insegnare ai bambini la Ciranda e permettere cosí il mantenimento e la valorizzazione di questo genere musicale. Dice Lia: "La Ciranda é per tutti, vecchi e bambini, bianchi neri, ricchi e poveri, non ha preconcetti, l´importante é divertirsi, venite all´isola per credere".
Il pezzo che metto qui sotto é una Ciranda intitolata "Eu sou Lia" (io sono Lia).
La ciranda é comunemente una canto e una danza eseguiti in cerchio di bambini, una specie di girotondo. Nello stato di Pernambuco e nel nordeste brasiliano in generale é conosciuta come una danza di roda di adulti. Ma la Ciranda come dice Lia non ha preconcetti e accoglie al suo interno differenti fasce d´etá. Anticamente i musicisti di ciranda si esibivano all´interno della roda (cerchio), ma ora per necessitá di far spazio alla tecnologia i cirandoros si esibiscono su un palco. Quello di Lia è peró un palco rotondo e nel mezzo della spiaggia, che permette perció alla roda di danzatori di girargli intorno. Gli strumenti principali della Ciranda sono: ganzá, bombo e caixa. Il genere é molto simile al samba di coco (vedi posto: riassunto pernabucano II), dove il maestro cirandero (in questo caso Lia) che ha il compito di "tirar a cantigas"  ossia, di lanciare il verso della ciranda ed improvvisare versi. Anche in questo caso i versi sono mescolati tra dominio pubblico e originali. La danza é molto semplice, ma non esiste uno specifito tipo di danza. Comunemente si forma un cerchio e si fanno quattro passi a destra cominciando con il piede sinistro eseguendo poi un movimento collettivo di mani verso l´alto e il basso. Il numero dei partecipanti alla roda é ovviamente variabile e quando il cerchio diventa troppo grande si spezza e se ne formano due che girano in senso contrario. La coreografia é cosí molto piú spettacolare. I testi parlano della vita rurale, di pesca, dell´isola, del mare e ovviamente dell´amore.
Articolo Articolo Commenti Commenti (0) Storico Storico Stampa Stampa

Iscriviti alla newsletter
chi sono


in questo momento
decisamente controcorrente



RAI DUE


RAI TRE


RAI TRE


RAI KILIMANGIARO


il Libro


CD chitarra


CD HandPan

.


.

visit my handPan website




Con il sostegno di





 



Ultimi commenti:
Ogni volta che sto p...
13/05/2018 @ 13:45:06
Di Diego
e veramente stupendo...
23/01/2018 @ 00:54:50
Di marco
Ciao,la canzone del ...
04/01/2018 @ 18:49:31
Di Zu
Ciao Alyssa. Si, è m...
07/07/2016 @ 11:35:11
Di Andrea Gorgi ZU
Semplicemente avvolg...
08/05/2016 @ 22:36:32
Di Alyssa
Ciao Elena. Grazie p...
17/01/2016 @ 05:42:38
Di Andrea Gorgi ZU
Il veneto non è un d...
11/01/2016 @ 11:01:00
Di elena
hehe! ma quelle imma...
12/08/2015 @ 11:45:46
Di Zu
sicuramente un filma...
12/08/2015 @ 08:10:26
Di roby boscarin
Ciao Nicola, grazie ...
29/06/2015 @ 10:39:23
Di Zu
Conosco questa canzo...
28/06/2015 @ 23:51:31
Di Nicola Scarpel
DOCUMENTARIO BELLISS...
16/05/2015 @ 18:56:14
Di b
Caro Zu , anche con ...
18/03/2015 @ 19:35:58
Di Adelina, Gianni
bravi!che possiate c...
16/03/2015 @ 10:26:20
Di gianfranco micarelli -scultore-
Grande Andrea!Ho app...
03/03/2015 @ 19:15:11
Di Diego
C'è tanto dentro que...
26/02/2015 @ 17:24:41
Di Stefania D.
Emozione.....tanta ....
26/02/2015 @ 17:23:23
Di Alida
aggiungerei anche il...
26/02/2015 @ 17:20:54
Di Tatiana M.
anche Giuliano Prepa...
26/02/2015 @ 17:20:30
Di Otello S.
chissà cosa ne pense...
26/02/2015 @ 17:19:52
Di Paolo
Guardo le foto e leg...
07/02/2015 @ 06:50:44
Di Mrisa
grazie meraviglioso ...
01/02/2015 @ 10:42:12
Di Francesca G.
How wonderful that y...
31/01/2015 @ 19:35:57
Di Lorie H.
Il caos di Jaipur cr...
31/01/2015 @ 19:33:49
Di Lara F.
Bravi! fate sentire ...
29/01/2015 @ 19:30:15
Di Adelina, Gianni
Veramente bello!!! C...
29/01/2015 @ 17:28:07
Di Lara
Sempre con un po' di...
25/01/2015 @ 01:23:33
Di Valerio
CIAO SONO NICLA VIAR...
24/01/2015 @ 06:26:16
Di NICOLA
...GRANDE Federico.....
23/01/2015 @ 06:57:17
Di sandro brunello
Ciao vagabondi, buon...
21/01/2015 @ 07:35:07
Di Robi e Anna


20/10/2018 @ 22.24.29
script eseguito in 63 ms


radio popolare la tribu