Cerca per parola chiave
 

homeprogettoviaggiatoredove sono sostenitoripillole contatti

Archivio Io Suono Italiano ?     archivio dal tango alla musica caraibica

\\ Home Page : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

Se in questi giorni non sto scrivendo molto sulle tradizioni musicali che incontro durante il viaggio è perchè sono impegnato nella costruzione della nuova regia dello spettacolo "Video Show" (principale fonte di finanziamento del viaggio). Per l'occasione mi ha raggiunto qui in Sardegna il regista Fabrizio Paladin grande amico e compagno di musica fin da piccoli che mi sta fornendo la sua grande esperienza teatrale;

questi giorni perciò li stiamo dedicando a rinnovare lo spettacolo che porterò poi (per fortuna) in diverse piazze d'Italia. Ieri sera (27 giugno) è già stata la volta di Arborea (OR);  l'amministrazione Comunale, la Pro Loco e l'Associazione Trevisani nel Mondo hanno fissato l'appuntamento nel Teatro dei Salesiani. Arborea è una città creata da Mussolini in epoca fascista, che ha subito una forte migrazione veneta. Qui sto vivendo gli stessi episodi che succedevano in alcune zone dell'Argentina: la maggior parte degli abitanti ha discendenze venete e quando comunico la mia provenienza trevisana, i più nostalgici non esitano a raccontarmi le loro storie di immigrazione... che bello!!! Grazie di cuore anche al pubblico mamoiadino per la bellissima (anche se fredda) serata del 23 giugno.  Il video show si è svolto in un angolo suggestivo del nuovo museo. Per me è stato un onore inaugurare questo spazio che tra pochi mesi diventerà un centro di cultura e storia mamoiadina. Il museo includerà una sezione dedicata ai suoni popolari; per questo l'Assessore alla cultura Bastiano Mele ha deciso di ospitare il mio spettacolo. A Mamoiada tra le altre feste, si celebra il famoso Carnevale di Mamoiada, con la sfilata dei caratteristici Mamuthones, ma le occasioni per visitare questo paese sardo sono molte altre. Del resto l'accoglienza e l'energia dei suoi abitanti non permettono di certo di annoiarsi.

 

Articolo (p)Link Commenti Commenti (2)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
17/06/09
Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
She is known as Giannina, she’s all black, her eyes are dark with deep blue shades, she is a storyteller. When she sings she seems transforming into another creature and the drama of her voice comes straight inside and moves the soul.
Giannina is perhaps the last survived among a group of wandering musicians who, years ago, traveled to the houses in the province of Teramo and Ascoli to sing stories. They were stories especially about Saints, Sant Antonio, Sant Gabriele and Saint Lucia, drawn from the holy cards, images sold in the markets of her area, then diesille (prayers for dead beloved) and "party" songs drawn from the traditional national folk repertoire. She was not alone, she travelled and sang with her husband who, before the marriage, was a storyteller with a friend. Then the choice to follow him and to start a life as storyteller. They were five hundred people moving, by bus or by bicycle, and they have been doing this job for over 40 years, alternating it with occasional works but keeping it as a main activity or at least as the primary preference.
I can get in touch with this treasure of a woman thanks to Gianfranco Spitilli (www.bambun.webnode.com), an anthropologist of Teramo that during my stay in Abruzzo provided valuable and interesting meetings. Since a while Giannina is among his favorite area of “study”. This term may be considered cool, but for this kind of jobs it is necessary to have much love for the" subjects of study. " When Giannina sings Gianfranco  always closes his eyes and moves.
 
We stay with Giannina a whole morning in the house of her family in Garrufo di Campli: it rains and her stories cool and warm the heart in a rapid alternation. Her husband's death, which occurred a few years ago, seems to have discouraged a lot Giannina, and her attitude towards life has certainly changed.
"If my husband was still alive we would have been certainly still around singing," she says without hesitation, but then everything ends ...
She claims a better past, made of simple things that no longer exist, she especially speaks about welcome that once was more hearty, she tells about when she went singing in the houses: "The fact of being a woman provided me more attention" she says, and so also for her husband who used to travel always with men, thanks to her everything became easier.
When I explain to her the reason of my visit and what I'm doing, somehow she feels close to me because I tell travel stories and it comforts her the fact that, unlike her, I have a house with wheels that allows me to be independent from people hospitality, while she had to obtain accommodation in other people houses. My natural reaction was comforting her telling that it seems the times haven’t changed so much at least under this aspect because I have found a lot of hospitality but, maybe, it is a different kind of hospitality, or just times are different.
Even though she was a woman with a great energy, her attitude is pessimistic and nostalgic. When she tells about her past she makes long silent pauses and with her hands she takes his head as a sign of desolation. But at her side there is Francesco, her adored nephew who, not by chance, plays the accordion, knows the repertoire of storyteller, sings like his grandfather and even has an old Fiat 500 ... when Giannina looks at him, the face changes expression and a wriggle of madness and love makes her dreaming a story, and so she continues to sing.
 
Thanks to: Giannina Malaspina and her family, Francesco Di Carlo, nephew of Giannina (the CD of his group "A'SSALTARELLA" there are two tracks dedicated to grandparents); Gianfranco Spitilli who, thanks to Francesco, "discovered" Giannina, and now I could “discover” her also.
Articolo (p)Link Commenti Commenti (0)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Dear Gentlemen, I greet you all ... I sing you two ditties and also the facts of May that brings us the flowers and fruits, we will reap them after they become rope...if you pass though the Marche in May, you won’t be able to leave the country without having in your head this tune. Also the camper of the il cammino della musica was hit by the irony of Marche ditties, and nowit continues its march with a cat leather resting on the seat and engraved with a ditty dedicated to the cammino. (vedi "Farewell to Marche with saltarello")
I am in Morro d'Alba (AN), where the third Sunday of May they celebrate a feast that collects very ancient customs and traditions connected with the spring season and the renewal of life: it is the Cantamaggio. Originally it was celebrated the night of the 30th of April and the first day of May with teams of musicians called "maggianti", with organ, triangle, tambourine, voices and imagination that go in the houses of the village, bringing joy to people through a song ritual of collection that wishes prosperity for the harvest and the work. The symbol of Cantamaggio is a large tree that is planted at the end of the feast in the central square of the village with the purpose to wish the fertility of the earth and women.
 
Interpreters of this ritual, which has its roots in very remote times, is a whole people, that since years has decided to re-propose and interpret, in a current way, this tradition that otherwise would have risked to fall out of use totally, due to the economical - social upheavals of recent times.
 
Today, the "May" has nothing to do with the artificial reconstruction of an old memory, but with its music and its dancing, is still rooted, and lives in the DNA of people who lives it; this is not either a phenomenon linked to a single annual occurrence: here you sing and dance during every occasion of celebration and sharing, young and old people joined together by a single language.
 
Walking through the Marche villages, it may happen to attend a performance of singing, which sometimes becomes a real competition; quick repartee between skilful singers who catch rapidly the most effective words from their fantastic vocabulary, creating funny and provocative ditties in rhyme. In the ditties there are often explicit sexual references, and they are accompanied by the sound of lively saltarelli and by the steps of tireless dancing couples.
Each tragic or comic episode, every type of character or person, every situation can be inspiration for new improvised ditties. But people must not take offence, it would be a further incentive to the creation of new ditties and to the mockery shared between singers, players and audience.
Mario Amici is one of the veterans among ditties singer of Marche, but also one of the most active, the night of Cantamaggio was the last to come back home after having spent the whole day to sing his ditties and play an instrument that it seems it has been invented by him. It is called "segone" or "violin of the poor" a piece of wood shaped as a violin and rubbed with a wooden bow. He told jokes and sang ditties to an audience of young people sitting on the square of Morro d'Alba, until late at night. Everyone listened to him with great admiration, his wife with great resignation, incredulous of what his imagination was able to invent. He learned to sing by his ancestors, now his son Stefano is a skilful builder of tambourines, he has also invented a 10 meters long organ which needs 5 people to be played and his nephew Marco, five years old, starts beating the first shots on the tambourine
.
MORE PICTURES (those published on this page are pictures of JESSE)
.
THANKS TO: Mario Amici, Danilo Donninelli, Stefano Amici, La Damigiana, Gianni Donnini, Paolo Polverini, Gastone Petrucci Ass. Cult. La Macina, il Bar di Morro d'Alba, all the people of May, the City of Morro d'Alba, Ilaria Fava, the martinicchia, brothers Samuel and Sauro Accattoli, Nardino Beldomenico, Primo Pirani, Il cielo in una danza, Stefania Giuliani ...
Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Se conoce como Giannina, es muy morocha, tiene ojos oscuros, con rasgos de azul intenso, es una juglar, una cantastorie. Cuando canta parece que se transforma en otro ser y la dramaticidad de su voz entra hondo en las entrañas y moviliza el alma.
Giannina es probablemente la última entre un grupo de músicos itinerantes que hace años viajaban por las casas de la provincia de Teramo y Ascoli para cantar historias; historias de santos sobretodo, San Antonio, San Gabriel y Santa Lucía, inspiradas de las imágenes de santos vendidas en los mercados de su zona, luego diesille (plegarias para parientes muertos) y canciones “de fiesta”, tomadas del repertorio popular tradicional nacional. No estaba sola, viajaba y cantaba con su marido, que antes de casarse con ella era un cantastorie, junto con un amigo. Luego su elección de seguirlo y, a partir de aquel momento, una vida de cantastorie. Se movían con un Fiat 500, con el ómnibus o en bicicleta; hicieron este trabajo por 40 años, alternándolo con trabajos ocasionales, pero manteniéndolo de todas formas como su actividad principal, o por lo menos como principal punto de referencia.
A esta hermosa mujer pude llegar gracias a Gianfranco Spitilli (www.bambun.webnode.com), antropólogo de Teramo, que durante los días en la región de Abruzzo me facilitó muchos encuentros valiosos e interesantes. Desde hace un tiempo Giannina es su preferida en su ámbito de “estudio”: aunque esto pueda parecer frío, para trabajos de este tipo se necesita mucho amor hacia los “objetos de estudio”. Gianfranco, cuando escucha cantar a Giannina cierra siempre los ojos y se emociona.
Pasamos juntos con Giannina una entera mañana, en la casa de su familia en Garrufo di Campli: llueve y sus historias calientan y enfrían el corazón con una rápida alternancia. La muerte del marido, de hace pocos años, parece haber desalentado mucho a Giannina y su actitud hacia la vida ha seguramente cambiado.
"Si mi marido todavía estuviera vivo, estoy segura que seguiríamos viajando y cantando”, afirma sin vacilaciones, pero después todo termina...
Recuerda un pasado mejor, hecho de cosas sencillas que ahora no existen más; habla sobretodo de la hospitalidad, un tiempo mucho más cálida, cuenta de cuando iba a cantar por las casas: "El hecho de ser mujer me otorgaba más atenciones” dice y así las cosas gracias a ella fueron más sencillas.
Cuando le explico la razón de mi visita y lo que estoy haciendo, de alguna forma se siente muy cercana a mí, que cuento historias de viajes y se anima sabiendo que yo, a diferencia de ella, tengo una casa rodante que me permite ser más independiente de la hospitalidad de la gente, mientras ella necesitaba encontrar alojamiento en las casas de los demás. Me surge espontáneo consolarla por mi lado, diciéndole que los tiempos, por lo menos en este, no cambiaron si considero la acogida que estoy encontrando, pero a lo mejor se trata de una forma diferente de hospitalidad o simplemente de otros tiempos.
Si bien es una mujer con mucha energía, su actitud es pesimista y nostálgica, tiene largos silencios cuando cuenta su pasado y con la mano se cubre la cabeza como a indicar desolación. Pero al lado de ella está Francesco, su amado nieto que, casualmente, toca el acordeón, conoce el repertorio de cantastorie, canta como su abuelo y además tiene un viejo Fiat 500… cuando Giannina lo mira, su cara cambia de expresión y una punta de amor y locura le hace imaginar una nueva historia y así sigue cantando.
Agradecimientos: Giannina Malaspina y su familia; Francesco Di Carlo, nieto de Giannina (nel CD de su grupo "A'SSALTARELLA" hay dos temas dedicados a los abuelos);  Gianfranco Spitilli que, gracias a Francesco, “descubrió” a Giannina  y ahora la hizo descubrir a mí. que, gracias a Francesco, “descubrió” a Giannina  y ahora la hizo descubrir a mí." hay dos temas dedicados a los abuelos);   que, gracias a Francesco, “descubrió” a Giannina  y ahora la hizo descubrir a mí.
Traduccion: Sabrina Espeleta
Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
16/06/09

Condividi

Articolo (p)Link Commenti Commenti (2)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Due Serenate in Abruzzo e in Sardegna

Abruzzo e Sardegna sono sicuramente le regioni più romantiche che ho incontrato fino ad ora. Il percorso del Cammino della Musica ha infatti incrociato due episodi analoghi, in queste due regioni che di analogo hanno ben poco. Del resto si sapeva che l’Italia intera è abitata da un popolo di romantici, ma nella provincia di Teramo e di Nuoro, pochi giorni prima di celebrare le nozze, la coppia, come da usanza, arruola un gruppo di musicisti della zona per farsi cantare la serenata. Una sorta di addio al celibato che non ha però nulla a che vedere con spogliarelli, trasgressioni e nottatacce; anche se in realtà, dopo la serenata, è prassi banchettare fino ad ore tarde. La prima occasione è ormai datata al 21 maggio quando appena approdato in terra abruzzese con il camper che quasi fracassa una tettoia, vengo accolto da Gianfranco Spitilli (www.bambun.webnode.com) che ancora una volta mi regala una bella opportunità per conoscere le usanze abruzzesi. Appuntamento a casa di Valentino, storico cantore di Poggio delle Rose, che assieme al resto dei “partenzisti” si sta scaldando la voce prima di raggiungere la casa della sposa ed eseguire il rituale. Qui la serenata si chiama infatti “partenza”, quella della sposa che lascia la casa paterna per il nido nuziale. Si tratta di una canzone le cui parole sono quelle di una madre che ripercorre nei ricordi tutti i momenti passati assieme alla figlia fino al momento di “lasciarla” alla vita da moglie.
 
TI E' PIACIUTO QUESTO VIDEO?  SI - NO
Dopo le “prove”, miracolosamente intercettate dalla diretta telefonica di Radio Ciroma che ha regalato questo momento ai suoi ascoltatori, ci spostiamo dalla sposa fortunata che sta aspettando affacciata al balcone della casa paterna. Un gruppo di amici e parenti invitati a nozze aspettano in sommo silenzio l’arrivo dei musicisti. Questo momento di attesa è veramente emozionante; attorno solo i passi dei musici e il canto dei grilli. Comincia quindi la partenza che durerà per più di 25 minuti. La sposa si emoziona dal balcone e qualche sua amica si abbandona ad uno scroscio di lacrime dalla “platea”.
Quando finisce il rito, la sposa scende, appare poi lo sposo e i genitori, ai quali vengono dedicate altre canzoni specifiche e poi comincia la festa. Valentino mi racconta che solitamente bisognerebbe fare la “partenza” il giorno prima di sposarsi come lui ha fatto con le sue due figlie, ma molti preferiscono tenersi questo giorno per gli ultimi preparativi e per non rischiare di arrivare all’altare troppo stanchi. Quindi si fa al giovedì precedente, perché il venerdì dicono porti sfortuna.
Pochi giorni dopo esser sbarcato in Sardegna arriva la seconda occasione di partecipare ad una bellissima serenata. Questa volta mi trovo a Nuoro e il gruppo “Sos Canarjos” (www.soscanarjos.it) è stato chiamato per omaggiare una giovane coppia di sposi. Il rituale è più o meno lo stesso, ma la location a differenza di quella abruzzese è il cortile in cemento di un quartiere di Nuoro, in pieno centro. La sposa affacciata dal balcone del palazzone quasi non si vede da quanto è in alto. La canzone che si ascolta nel video è chiamata “Non potho reposare” (Sini–Rachel). Bobore, il direttore dello storico gruppo, mi dice che questo è il pezzo emblema della serenata, sono parole che l’innamorato rivolge alla donzella. Sarebbe composta da una quarantina di strofe ma i cantori preferiscono usare solo le più significative per poi divertirsi con altri canti. Anche a Nuoro ci sono state lacrime e commozioni ma poi balli e molta allegria. Così comincia il mio viaggio in Sardegna…
Ringraziamenti: Gianfranco Spitilli, Valentino, Roberto Spennak e i partenzisti, Radio Ciroma, Paolo e Bobore dei Sos Canarjos e i Sos Canarjos tutti, le due coppie di sposi, che abbiano vita felice e prospera insieme.

Condividi su Facebook

Articolo (p)Link Commenti Commenti (4)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

Il Cammino della Musica compie 4 mesi!!!

Il 13 febbraio 2009 il camper del Cammino della Musica è sceso in strada, partendo da Treviso e diretto a Spilimbergo. Oggi, dopo quattro mesi percorsi tra le musiche del bel paese, nonostante qualche difficoltà facente parte del viaggio, posso urlare al cielo la mia felicità.

Ho ripescato un ricordo di quel giorno:

Grazie a tutti voi che seguite il Cammino, alle radio che settimanalmente mi chiamano, ai sostenitori che hanno reso possibile la partenza e a tutte quelle persone che giornalmente incontro camminando, che offrono la loro conoscenza per costruire questo progetto di comunicazione e cultura.

Ora sono in Sardegna con un bel sole, un cielo sudamericano e delle persone fantastiche che mi stanno accogliendo per farmi conoscere la loro tradizione.

Ma la tappa finale è ancora distante: La Sicilia!!!  

 ed il Cammino continua...

Articolo (p)Link Commenti Commenti (4)  Storico Storico  Stampa Stampa
 

È conosciuta come Giannina, è tutta nera, ha gli occhi scuri con sfumature di blu intenso, è una cantastorie. Quando canta pare trasformarsi in un altro essere e la drammaticità della sua voce entra dritta nelle viscere e smuove l’anima.

Giannina è forse l’ultima rimasta fra una cerchia di musici erranti che anni orsono viaggiavano per le case della provincia di Teramo e Ascoli per cantare storie; storie di santi soprattutto, Sant' Antonio, San Gabriele e Santa Lucia, tratte da santini venduti nei mercati della sua zona, poi diesille (preghiere per i cari morti) e canzoni “da festa” attinte dal repertorio popolare tradizionale nazionale. Non era sola, viaggiava e cantava con suo marito che prima di sposarla faceva il cantastorie con un amico. Poi la scelta di seguirlo e da lì una vita da cantastorie. Si muovevano in cinquecento, in pullman o in bicicletta, e han fatto questo mestiere per ben 40 anni, alternandolo a lavori saltuari ma comunque mantenendolo come attività principale o almeno come principale preferenza.

                                   TI E' PIACIUTO QUESTO VIDEO?  SI - NO

A questo tesoro di donna mi fa arrivare Gianfranco Spitilli (www.bambun.webnode.com), antropologo di Teramo, che nei giorni di permanenza in Abruzzo mi ha procurato incontri preziosi ed interessanti. Da un po' di tempo Giannina è tra le sue preferite in ambito di “studio”, anche se questo termine potrebbe risultare freddo, ma per mestieri di questo genere c’è bisogno di molto amore per i “soggetti di studio”. Gianfranco quando sente cantare Giannina chiude sempre gli occhi e si emoziona. 

Passiamo con Giannina una mattina intera, nella casa della sua famiglia a Garrufo di Campli: piove e le sue storie riscaldano e raffreddano il cuore in una rapida alternanza. La morte del marito, avvenuta pochi anni fa, pare aver scoraggiato molto Giannina, ed il suo atteggiamento nei confronti della vita è sicuramente cambiato.

"Se mio marito fosse ancora vivo sicuramente saremmo ancora in giro a cantare" afferma senza titubanze, ma poi tutto finisce...

Lamenta un passato migliore, fatto di cose semplici che ora non esistono più; parla soprattutto di accoglienza,  un tempo molto più calorosa, racconta di  quando andava a cantare per le case: "Il fatto di essere donna mi procurava più attenzioni" dice, e così anche per suo marito, da sempre abituato a viaggiare con uomini, le cose grazie a lei diventarono più facili.

Quando le spiego il motivo della mia visita e quello che sto facendo, in qualche modo si sente vicina a me che racconto storie di viaggi e si conforta al il fatto di sapere che io, a differenza sua, ho una casa con le ruote che mi permette di essere indipendente dall’ospitalità della gente, mentre lei doveva procurarsi alloggio nelle case altrui. Mi viene spontaneo confortarla a mia volta, comunicandole che i tempi, almeno in questo, pare non siano cambiati vista l’accoglienza che sto incontrando, ma forse si tratta di una forma differente di ospitalità, o semplicemente di altri tempi.

Sebbene sia una donna con una grande energia, il suo atteggiamento è pessimista e nostalgico, fa lunghi silenzi quando racconta il suo passato e con la mano si copre il capo in segno di desolazione. Ma al suo fianco c’è Francesco, il nipote adorato che, guarda caso, suona la fisarmonica, conosce il repertorio da cantastorie, canta come suo nonno e per di più ha una vecchia 500... quando Giannina lo guarda, il volto cambia espressione e un guizzo di pazzia e amore le fa sognare una storia, e così continua a cantare.

Ringraziamenti: Giannina Malaspina e la sua famiglia; Francesco Di Carlo, nipote di Giannina (nel CD del suo gruppo "A'SSALTARELLA" ci sono due tracce cantate dai nonni);  Gianfranco Spitilli che grazie a Francesco ha "scoperto" Giannina e ora l'ha fatta scoprire a me.   20090610

Condividi su Facebook

Articolo (p)Link Commenti Commenti (5)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2

Iscriviti alla newsletter
chi sono


in questo momento
decisamente controcorrente



RAI DUE


RAI TRE


RAI TRE


RAI KILIMANGIARO


il Libro


CD chitarra


CD HandPan


visit my handPan website




Con il sostegno di







 



Ultimi commenti:
Ciao Alyssa. Si, è m...
07/07/2016 @ 11:35:11
Di Andrea Gorgi ZU
Semplicemente avvolg...
08/05/2016 @ 22:36:32
Di Alyssa
Ciao Elena. Grazie p...
17/01/2016 @ 05:42:38
Di Andrea Gorgi ZU
Il veneto non è un d...
11/01/2016 @ 11:01:00
Di elena
hehe! ma quelle imma...
12/08/2015 @ 11:45:46
Di Zu
sicuramente un filma...
12/08/2015 @ 08:10:26
Di roby boscarin
Ciao Nicola, grazie ...
29/06/2015 @ 10:39:23
Di Zu
Conosco questa canzo...
28/06/2015 @ 23:51:31
Di Nicola Scarpel
DOCUMENTARIO BELLISS...
16/05/2015 @ 18:56:14
Di b
Caro Zu , anche con ...
18/03/2015 @ 19:35:58
Di Adelina, Gianni
bravi!che possiate c...
16/03/2015 @ 10:26:20
Di gianfranco micarelli -scultore-
Grande Andrea!Ho app...
03/03/2015 @ 19:15:11
Di Diego
C'è tanto dentro que...
26/02/2015 @ 17:24:41
Di Stefania D.
Emozione.....tanta ....
26/02/2015 @ 17:23:23
Di Alida
aggiungerei anche il...
26/02/2015 @ 17:20:54
Di Tatiana M.
anche Giuliano Prepa...
26/02/2015 @ 17:20:30
Di Otello S.
chissà cosa ne pense...
26/02/2015 @ 17:19:52
Di Paolo
Guardo le foto e leg...
07/02/2015 @ 06:50:44
Di Mrisa
grazie meraviglioso ...
01/02/2015 @ 10:42:12
Di Francesca G.
How wonderful that y...
31/01/2015 @ 19:35:57
Di Lorie H.
Il caos di Jaipur cr...
31/01/2015 @ 19:33:49
Di Lara F.
Bravi! fate sentire ...
29/01/2015 @ 19:30:15
Di Adelina, Gianni
Veramente bello!!! C...
29/01/2015 @ 17:28:07
Di Lara
Sempre con un po' di...
25/01/2015 @ 01:23:33
Di Valerio
CIAO SONO NICLA VIAR...
24/01/2015 @ 06:26:16
Di NICOLA
...GRANDE Federico.....
23/01/2015 @ 06:57:17
Di sandro brunello
Ciao vagabondi, buon...
21/01/2015 @ 07:35:07
Di Robi e Anna
E' invidiabile e dev...
10/01/2015 @ 15:48:00
Di taddeo scalici
Parabéns, Andrea, me...
08/11/2014 @ 11:12:08
Di Valdeni
muy bueno andrea ya ...
08/11/2014 @ 11:11:38
Di Chelo


23/05/2017 @ 20.49.55
script eseguito in 31 ms


radio popolare la tribu